La Cantina e i Vini

Nella seconda metà del 1800 , la famiglia livornese dei conti Corinaldi, decise di intraprendere su larga scala l’attività vitivinicola da sempre praticata sulla collina di Lispida.
Ampliando le preesistenti strutture di un monastero risalente al XIII° secolo , essi edificarono l’ attuale cantina, composta da nove campate , la più lunga delle quali misura 55 metri.
Con una capacità potenziale di 30.000 ettolitri è fra le più grandi cantine storiche del Veneto.
I soffitti e i pavimenti , costruiti facendo uso di  mattoni non intonacati e di pietra locale (trachite), permettono di mantenere una temperatura inferiore ai  18 gradi anche nelle calde  giornate estive e assicurano un’umidità ottimale (80%) per la fermentazione , la conservazione e l’invecchiamento dei vini .
Nella due campate destinate a bottaia vi sono botti in rovere da 20, 30 e 50 ettolitri  , dove vengono conservati i vini rossi e bianchi per un periodo che varia da 3 a 4 anni ; al termine dell’ affinamento in botte, i vini vengono imbottigliati per affrontare un ulteriore periodo di affinamento prima della vendita.
Nella tinaia, in grandi tini da 30 e 50 ettolitri, avviene la fermentazione dei vini rossi e parte di quella dei bianchi.  A fianco si trovano le anfore in terracotta, recipienti interrati dove avviene la fermentazione e l’affinamento di “Amphora”, il primo vino italiano prodotto rispettando in modo fedele le pratiche arcaiche di vinificazione in uso presso l’antica  Roma.

Info   www.lispida.com

Privacy - © 2009 Casa Contarini - Tutti i diritti riservati - C.F. SGRLSN65M23G224B
‹ credits ›